Altri Eventi

PRESENTAZIONE LIBRO di Cosimo Schinaia

10 MARZO ORE 11.30 – Sala Libretti

 

MOSTRA FOTOGRAFICA

L’associazione Patriarchi della Natura i Italia propone la mostra fotografica e di tele romagnole stampate a ruggine dal titolo:

Alberi antichi d’Italia, il tempo fra le foglie” (circa 40 pannelli di dimensioni cm 30×40, 40×60, 50×70 da allestire in apposito spazio che verrà concordato (ogni pannello è dotato di gancio per cui basta avere le griglie dove poterli appendere con catenelle).

Le tele romagnole stampate a ruggine dal titolo con i più significativi patriarchi d’Italia dipinti (n. 18 tele di dimensioni di cm 250×150) con le frasi che il grande Poeta e sceneggiatore Tonino Guerra ha voluto dedicare ai più bei monumenti della natura d’Italia. Le tele sono dotate di asole e possono essere appese a 10 supporti in legno che potrebbe fare un artigiano forlivese per un costo limitato di 150 euro (tale costo dovrebbe poter rientrare nel budget della manifestazione e l’associazione Patriarchi metterebbe a disposizione la mostra e relativo allestimento a titolo gratuito).

Perchè una mostra sui grandi alberi e cosa sono I Patriarchi Arborei del grande Parco Italia ?

La storia culturale e ambientale d’Italia attraverso i patriarchi della natura

L’Italia non ha solo splendidi monumenti storici che la rendono unica al mondo, ma ha anche una serie di monumenti naturali che vivono da millenni e che ci offrono ancora ottimi frutti dal sapore unico. Alcuni esempi sono il melo forse più antico del mondo, che si trova in Trentino e il pero più grosso d’Europa che vegeta nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, in provincia di Forlì Cesena. Gli alberi monumentali sono i patriarchi dei nostri boschi, piante ultracentenarie, di grandi dimensioni, spesso legate a eventi storici, religiosi, a credenze popolari o altro. A volte si tratta di specie botaniche di particolare pregio, da tutelare per il valore paesaggistico e genetico. In alcune regioni questi “giganti verdi” vengono tutelati da apposite leggi, ma è compito di noi tutti garantirne la sopravvivenza affinchè anche i nostri figli possano ammirarli e difenderli, ma per poterli difendere meglio, dobbiamo prima farli conoscere. L’albero ha da sempre rappresentato un elemento importante nella vita dell’uomo e lo ha seguito durante tutta la sua evoluzione, dall’epoca delle palafitte fino ai giorni nostri. Ma i grandi alberi li possiamo considerare anche dei “registratori biologici” che portano scritta nel legno la nostra storia. Si tratta di patriarchi eccezionali, in alcuni casi millenari, che hanno sfidato le insidie del tempo e sono giunti fino a noi con un messaggio genetico importantissimo che va assolutamente preservato e che costituisce la grande ricchezza della vita, la biodiversità, un grande valore che non dobbiamo perdere, in quanto perdere biodiversità significa diminuire le possibilità di scelta per il futuro e quindi rendere più precaria la nostra stessa esistenza. Oggi si sta scoprendo che gli alberi e i boschi hanno anche un’importante funzione benefica nei confronti del nostro organismo: infatti le piante rilasciano attraverso le foglie, sostanze volatili particolari (i monoterpeni) in grado di stimolare positivamente le nostre difese immunitarie. Camminare o correre nei boschi ci permette di fare forest therapy e all’attività sportiva come la maratona, che ha grande importanza per il nostro corpo e mente, si abbina il benessere del movimento nella natura, grazie agli alberi che stimolano le nostre difese e riducono lo stress.

Chi è l’Associazione Patriarchi della Natura in Italia?

L’associazione ha come scopo la tutela del patrimonio ambientale e culturale del territorio attraverso una chiave di lettura originale, i “patriarchi arborei”, quali testimoni dello stato di salute del pianeta, della conservazione della biodiversità, della bellezza del paesaggio e della valorizzazione della civiltà rurale italiana. Il simbolo dell’Associazione è uno degli alberi più vecchi del mondo, un pino (Pinus longaeva) chiamato “Matusalemme” che vive sulle White Mountains, nel parco Inyo National Forest in California (U.S.A.) e che ha un’età di oltre 4800 anni.

L’Associazione svolge attività di divulgazione, informazione, promozione e valorizzazione degli aspetti naturali del territorio e della cultura rurale; si occupa degli alberi monumentali italiani a 360 gradi, avendo particolare attenzione a tutto ciò che sta loro “intorno”, come gli aspetti storici, culturali e paesaggistici del territorio e delle comunità locali. Realizza censimenti, monitoraggi, progetti di ricerca, pubblicazioni, banche dati, mostre fotografiche, pubbliche conferenze, consulenze tecniche ed altre iniziative; interviene presso le Istituzioni pubbliche per segnalare e contrastare situazioni che possono minacciare la sopravvivenza dei vecchi alberi e degli habitat naturali. Uno specifico interesse viene riservato alla conoscenza dei vecchi alberi da frutto e alla tutela della biodiversità rurale, specie ai fini della conservazione delle antiche varietà e cultivar agrarie e della valorizzazione dell’alimentazione e della cucina tradizionale delle varie regioni d’Italia. Gestisce inoltre un archivio dati di oltre 12.000 patriarchi arborei d’Italia che viene periodicamente aggiornato ed implementato. L’Associazione ha soci e collaboratori su tutto il territorio nazionale attraverso i quali ha costituito una “rete” di relazioni, la “Rete dei Patriarchi”, funzionale al conseguimento delle finalità statutarie.

Per ulteriori informazioni sulla nostra associazione potete consultare il nostro sito:
www.patriarchinatura.it

 

 

visita questo sito https://tadalafiltoscana.com/viagra-prezzo/